Moto-ha Yoshin Ryu Italia Torna all'entrata del sito Moto-ha Yoshin Ryu Italia
Soke Akiyoshi Yasumoto

Il Moto-ha Yoshin Ryu è un ramo (ha)  della Scuola Hontai Yoshin Ryu (nata nel 17° secolo in Giappone) fondato da Akiyoshi Yasumoto Sensei (Menkyo Kaiden di Hontai Yoshin ryu) per mantenere in vita gli insegnamenti di  Minaki Saburoji Sensei  (17° Soke della Scuola) e di  Kanazawa Ichizu Sensei (Menkyo Kaiden).

Il Curriculum tecnico del Moto Ha Yoshin Ryu include diversi settori:
- Ju Jutsu                            (Combattimento a mani nude)
- Hambo Jutsu                    (Combattimento con Hambo, un bastone da 90cm)
- Tanto Dori                         (Tecniche di disarmo di avversari armati con pugnale)
- Moto ha Fudoshin Iai      (Tecniche di Estrazione rapida della spada)

Il Ju Jutsu è la parte più importante della Scuola ed è fondato su sei pilastri fondamentali:

- Gyaku           (Leve articolari)
- Nage             (Proiezioni)
- Ate                (percussioni)
- Toritsuke      (Legamenti)
- Kuatsu          (Rianimazione)

In questa antica Scuola di Ju Jutsu le tecniche base vengono insegnate secondo il sistema tradizionale, cioè attraverso i Kata: esercizi formali di attacchi e difese preordinati e codificati (sebbene questa descrizione sia quantomeno semplicistica).

In realtà il significato più profondo del metodo di insegnamento dei Kata è di insegnare tramite esercizi strutturati  i Principi che sono alla base di tutte le tecniche e che permettono di deflettere e ridirezionare gli attacchi dell’avversario: la coordinazione occhio-mano, lo squilibrio (Kuzushi) ed il movimento del corpo (Tai Sabaki), senza questi tre fondamenti non esiste il Jujutsu.

La pratica del Moto-ha Yoshin Ryu aiuta a sviluppare lo spirito combattivo e ad utilizzare in modo efficace la propria forza poichè, se un combattente contasse solo su di essa, potrebbe essere sconfitto facilmente da un avversario più forte.
Imparando invece ad utilizzare la forza solo nel momento in cui è necessaria e ad utilizzare tutto il proprio corpo per portare le tecniche, allora anche un combattente più debole potrà avere ragione di un avversario più forte. Questo è lo Spirito del Salice, che si piega sotto il peso della neve per lasciarla cadere a terra e risollevarsi.

Soke Yasumoto afferma che la base del Moto Ha Yoshin Ryu sia in queste piccole regole:
1° Occhi:         Mantieni il contatto visivo con l’avversario
2° Velocità:     Muoviti come il vento
3° Coraggio:   Usa lo spirito del Combattente
4° Forza:         Usa la forza in modo efficace

Addestrandosi correttamente nei kata l’allievo impara queste semplici regole ed a leggere il linguaggio del corpo dell’avversario, a conformarsi istintivamente al suo attacco per romperne l’equilibrio pur mantenendo il proprio.

Sebbene i Kata includano molte tecniche efficaci di per se stesse, in realtà è l’abilità del praticante che rende i principi appresi efficaci nell’applicazione reale.

Home La Scuola Storia Istruttori Dojo Eventi Galleria Links
Powered by Ori's creations